Versione stampabile

2.3.1.2 La sinonimia in terminologia

Secondo la norma ISO 1087 (2005), i sinonimi sono quei “termini intercambiabili in tutti i contesti” di un determinato dominio. Cabré (1998:188) aggiunge che due termini sono sinonimi se appartengono alla stessa varietà formale.
Per questa ragione, sempre la norma ISO, sottolinea l’esistenza dei quasi-sinonimi, ovvero termini, “intercambiabili solo in alcuni contesti”, che appartengono allo stesso campo semantico e condividono gli stessi tratti semantici. Le differenze tra quasi-sinonimi sono di tipo pragmatico e riguardano la frequenza d’uso, la differenza di registro, la variante diatopica o diacronica… Ad esempio:
- trimetilxantina (spec.) e caffeina (pop.);
- persiana avvolgibile (tecn.) e tapparella (reg.).
La normalizzazione terminologica cerca di ridurre le forme sinonimiche in terminologia, soprattutto per ridurre l’ambiguità e garantire la precisione nella comunicazione specialistica.

Per citare questo articolo: Veronica Carioni, 2.3.1.2 La sinonimia in terminologia, Breve introduzione alla terminologia, http://farum.it/intro_terminologia/ezine_articles.php?id=24